Automatizzare i processi di business

Ottimizzare e automatizzare i processi di lavoro aziendali

Automatizzare un processo di business significa anzitutto ottimizzare i processi di lavoro aziendali. Si tratta di obiettivi perseguibili nel momento in cui si pensa al workflow (flusso di lavoro) come una serie di attività quotidiane uniche, cicliche o alternative che permettono di conseguire un risultato.

Un piano di workflow, come è noto, consente un risparmio economico derivante dalla velocizzazione complessiva dei processi aziendali. Tutto ciò comporta, inoltre, una maggiore e più efficiente capacità di accesso, e quindi di condivisione, ai documenti elettronici. Tutto è reso possibile grazie ad una concordanza reale dei processi di gestione aziendale.

Definire un workflow per gestire i processi aziendali permette, di conseguenza, una organizzazione migliore di uffici e persone che operano anche in posti diversi. Ovviamente esso richiede di essere supportato da software e tecnologie innovative.
Queste consentono, a loro volta, di ottimizzare ed automatizzare adeguatamente i processi.

Prima di definire un workflow che consenta di ottimizzare i processi di business bisogna riflettere bene. Vi è la necessità di analizzare in maniera approfondita il sistema lavorativo che si intende ottimizzare. Questo significa avere ben chiari alcuni elementi portanti, quali:

  • Il processo di business così come strutturato inizialmente;
  • Obiettivi del business e flussi informativi a lui collegati;
  • Collegamenti e vincoli che caratterizzano i rapporti tra le varie classi del processo

Le considerazioni su questi elementi sono utili per ottenere un primo workflow. Le elaborazioni successive consentiranno poi di ottenere l’ottimizzazione in funzione dei nuovi obiettivi o di quelli precedenti, se questi ultimi verranno ritenuti idonei alle nuove esigenze tecnologiche. Queste dinamiche consentiranno, tra le altre cose, un netto miglioramento degli standard di qualità relativi al processo stesso.

Il piano di workflow può essere realizzato con l’ausilio delle tecnologie software adeguate a gestire l’operatività richiesta dal workflow. Il modello, prima di essere adottato, deve necessariamente essere testato in modo da rilevare aspetti e risultati sia negativi che positivi.