Processi aziendali, via il cartaceo entro due anni

Entro i prossimi due anni solo il 9% dei processi aziendali si baserà su documenti cartacei. Largo al digitale.

Un report della statunitense Xerox mostra chiaramente che, entro il 2018, diminuirà l’utilizzo del materiale cartaceo utilizzato nei processi aziendali. 600 responsabili IT, europei e nordamericani, sono stati sottoposti ad un sondaggio promosso della nota azienda e i dati ottenuti testimoniano chiaramente che il passaggio ai processi digitali è quasi totalmente realizzato.

Gli stessi vertici che hanno condotto l’indagine sono convinti del fatto che l’impresa digitale rappresenti una realtà vicina. Tuttavia, c’è ancora molto da fare affinché si possa parlare definitivamente di trasformazione digitale avvenuta.
Del resto, negli ultimi anni le procedure necessarie al completamento di questa trasformazione hanno globalmente rallentato l’attuazione del progetto di digitalizzazione. Una motivazione risiede nel fatto che molti interessati non sono ancora pronti a questo passaggio. Ad ogni modo, il costo e la sicurezza sembrano giocare a favore della tecnologia digitale.

Il problema, se così si può definire, consiste nel fatto che poco più della metà degli interessati (55%) ha dichiarato che i processi delle loro aziende sono ancora di tipo cartaceo. Il 29% ha ammesso di comunicare con i clienti finali avvalendosi del formato tradizionale. Eppure sono in molti, circa il 41% degli intervistati, a ritenere che il passaggio al digitale consentirà una riduzione dei costi aziendali. Questa consapevolezza deriva dal fatto che molti hanno già a disposizione gli strumenti per rendere effettiva ed utilizzabile la tecnologia digitale.

Automatizzare i processi aziendali, anche questo significa digitalizzare.

Per quanto riguarda l’automazione dei processi, quasi la totalità degli intervistati ha dichiarato di aver già individuato le aree interessate. In particolare la contabilità, le note spesa, i conti da pagare e l’assistenza al cliente sono prossime all’automazione. In questa direzione c’è però ancora molto da fare. Vanno implementate, ad esempio, le soluzioni idonee a gestire il flusso sulle piattaforme mobile, i servizi cloud e analisi più approfondite che riguardano i Big Data.

Solo così si potrà parlare di digitalizzazione completata all’interno delle aziende italiane. Nel momento in cui verrà definitivamente abbandonata l’idea di elaborazione dei processi basati su carta tutto ciò comporterà un miglioramento dei risultati.