ICT: mercato digitale italiano ancora in crescita

Mercato ICT in Italia: riparte, ma con qualche incertezza

Nella prima parte del 2016, il mercato ICT (Information & Communication Technology) ha registrato un importante incremento rispetto allo stesso periodo del 2015. Il valore del mercato, infatti, si attesta oggi sui 31,9 miliardi di euro, con un aumento dell’1,2% rispetto all’anno precedente. Anche le stime relative ai prossimi mesi prospettano tendenze positive: entro la fine dell’anno corrente il valore dovrebbe raggiungere i 65,7 miliardi di euro.
Quote interessanti verranno raggiunte anche nel prossimo biennio: secondo un rapporto realizzato da Assinform e Confindustria Digitale, infatti, la crescita continuerà sia nel 2017 (+1,7%) che nel 2018 (+2%).

Nonostante i dati siano assolutamente positivi anche per i prossimi anni, va detto che il report in questione registra una tendenza poco rassicurante. L’innovazione digitale, infatti, in Italia si sta diffondendo lentamente e in maniera piuttosto blanda.
Le PMI italiane sembrano non aver recepito ancora del tutto i vantaggi dettati dell’evoluzione digitale: questo è un dato preoccupante soprattutto se si considera che le PMI rappresentano quasi la totalità delle imprese presenti sul territorio nazionale. A loro è dovuto, inoltre, il 51% del Prodotto Interno Lordo italiano.

Rapporto Digital/PMI

Il mercato digitale in italia riceve impulsi positivi soprattutto dalle grandi realtà imprenditoriali. Queste, assieme alle banche e alle compagnie assicurative, sembrano trainare l’evoluzione digitale. La rivoluzione digitale di cui si sente spesso parlare avrebbe dovuto interessare tutte le tipologie di aziende e rappresentare un aspetto strategico, in particolare per le piccole e medie imprese. Tutto ciò non si è realizzato: il contesto delle PMI è stato caratterizzato da atteggiamenti prudenti rispetto agli strumenti e le tecnologie digitali.

La situazione attuale relativa al rapporto digital/pmi deve far riflettere. Costi contenuti e larga diffusione delle competenze di base sono solamente due dei molti fattori che potrebbero comportare nuovi ed interessanti vantaggi per le imprese in questione. È risaputo che questi aspetti permettono oggi di raggiungere mercati lontani con relativa facilità e senza sostenere costi importanti, al contrario di quanto avveniva fino a qualche tempo fa. Inoltre, una corretta implementazione dell’ambito digital nella realtà aziendale, potrebbe assumere valore strategico anche per la sopravvivenza nel medio-lungo periodo.